Dolori al pene ed al prepuzio, definiti come “ Penalgie “ : dolori, dolenzie, ed alterazioni della sensibilità del glande, parestesie e formicolii al glande.

I dolori localizzati al pene oppure al prepuzio ed al frenulo prepuziale sono abbastanza frequenti in tutte le età , soprattutto adolescenziale e giovanile , ma pure nei soggetti adulti. Tali dolori, chiamati anche penalgie , possono insorgere acutamente ed improvvisamente , talora invece più lentamente e spesso recidivano per cui si possono ripresentare dopo un periodo di benessere, ma talora sono pressochè persistenti.

Altre volte c'è una alterazione della sensibilità del glande , parestesie e formicolii al glande.Indispensabile la visita specialistica andrologica per la perfetta diagnosi e ciò consente di instaurare precocemente le cure idonee al caso specifico.

Il dolore può avere pertanto una insorgenza acuta e essere ben localizzato al pene (come ad esempio durante un rapporto sessuale) oppure può essere riferito da paziente come un dolore che interessa il prepuzio che riveste come un guanto il pene stesso ( ad esempio in molte infiammazioni del prepuzio) ,o nella fimosi e frenulo corto.

Talora si tratta invece di una “ dolenzia “ cioè di fastidio-doloroso di lieve o minima entità ma che comunque disturba e preoccupa il paziente .

Altre volte il fastidio riferito dal paziente è indicato come riduzione o perdita della sensibilità del glande , oppure, all' opposto una eccessiva sensibilità del glande , indipendentemente se pene in fase eretta o a riposo.

Si consiglia la lettura dell'articolo seguente:

Pertanto possiamo differenziare i seguenti quadri clinici:

a) dolori al pene vero e proprio , e quindi un dolore o dolenzia riferito come localizzato ai corpi cavernosi del pene , oppure al glande e al corpo spongioso dell'uretra.
Oppure variazioni della sensibilità del glande, indipendenti dalla erezione o meno del pene.

b) dolori al prepuzio ed al frenulo prepuziale

Le cause di tale sintomatologia sono varie :

  1. Infiammazioni ed infezioni acute, sub-acute e croniche che interessano il prepuzio, il frenulo, il glande , lo sbocco esterno del canale uretrale alla punta del glande o tutta la uretra : si realizzano molti quadri clinici , di varia gravità come nelle balanopostiti ed uretriti sono in gioco tutte le malattie sessualmente trasmesse ma anche patologie dermatologiche andrologiche non infettive .

Si consiglia la lettura dei seguenti vari articoli presenti in questo sito:

  1. Traumi , chiamati anche “fratture del pene” : generalmente insorgono durante un rapporto sessuale e si manifestano come dolore molto forte che insorge improvvisamente e localizzato al pene : ciò è dovuto al fatto che a carico di un corpo cavernoso ( ma generalmente ad entrambi ) si sono realizzate delle improvvise fissurazioni (che sono in pratica come rotture o lesioni o ferite ) sulla albuginea dei corpi cavernosi . Cioè in tali casi non c'è ferita sul prepuzio , ma la ferita è interna perchè si è rotta ( generalmente parzialmente ma talora in modo completo e totale ) l'albuginea che è una membrana fibrosa che avvolge singolarmente il corpo cavernoso del pene. Nel 20 % dei casi la rottura completa o incompleta del corpo cavenoso è associata anche ad una lesione dell'uretra e del corpo spongioso e ciò comporta anche , oltre al vivissimo dolore, una perdita di sangue o uretrorragia.

Il quadro clinico del trauma insorto in corso di attività sessuale , più raramente durante la masturbazione, è quanto mai eclatante : anzitutto il dolore improvviso e di elevata intensità , talora accompagnato anche da un evidente effetto acustico (che può essere avvertito anche dalla partner sessuale, e non solo dal paziente !) che segnala la ” rottura del pene “ , chiamato “schiocco di frusta “ o anche “cracking sound”. Oltre a ciò si ha perdita rapida della erezione e, se la rottura è di alta entità, anche una tumefazione del pene e prepuzio che diventa rapidamente violacea ed anche un possibile incurvamento del pene verso il lato colpito dalle frattura.

  1. Fibrosi dei corpi cavernosi del pene ed Induratio penis plastica

a) Fibrosidei corpi cavernosi, spesso in età giovanile , senza incurvamento del pene e senza riscontro di “placche” palpabili : è una patologia dei corpi cavernosi che spesse volte compare anche in età giovanile (20-30 anni di età) e che viene facilmente già sospettata da una accurata , sempre indispensabile, visita specialistica andrologica . Lo specialista andrologo potrà confermare tale diagnosi clinica mediante la indagine elastosonografica 2D SWE che è una esame sonografico ,non invasivo e totalmente indolore, che permette la valutazione in termini di Kpa della visco-elasticità tissutale : ciò consente la più precisa e corretta diagnosi di fibrosi , e ciò rappresenta poi il punto di partenza ed indispensabile per poter consigliare la terapia “mirata” farmacologica , senza la necessità di alcun intervento chirurgico.

Ha una lunga incubazione ,forse anche di qualche anno, durante la quale il paziente non ha alcun disturbo. Successivamente i sintomi sono molto sfumati e di non facile interpretazione , come una variazioni della sensibilità del glande ( si ha generalmente una riduzione della sensibilità) , talora parestesie o formicolii al glande, ma pure dolenzie inizialmente episodiche ma poi più frequenti al glande , o addirittura un dolore più intenso anche con pene in fase di flaccidità. Altre volte il paziente segnala “parestesie” o formicolii vari al glande che peggiorano nella erezione, ma non ci sono aree palpabili di aumentata consistenza o “placche” , mentre il pene in erezione non presenta incurvamenti o deviazioni del suo asse. Le cause di tali fibrosi sono ancora ignote : forse sono in gioco cause microtraumatiche o un meccanismo autoimmunitario , ma nulla per ora è stato accertato.

Comunque dal lato istopatologico si realizza una riduzione della elasticità tissutale della albuginea dei corpi cavernosi e del setto inter-cavernoso , a causa di un lungo processo infiammatorio (che non comporta inizialmente alcun disturbo al paziente ! ) rappresentato da una vasculite-connettivite con essudazione plasmatica che causa a sua volta una attivazione dei fibroblasti e maggior sintesi di collagene. In tali casi i pazienti oltre a periodi pure lunghi di alterata sensibilità del glande accompagnata eventualmente da dolenzia del glande ( ma sono tutti sintomi che talora scompaiono spontaneamente per poi ripresentarsi a causa della riaccensione o riattivazione del processo flogistico patogenetico) , possono in seguito lamentare dolori più intensi ed una perdita della rigidità del pene , senza però la comparsa di deviazionidell'asse del pene o incurvamenti vari. E facile intuire come ciò possa generare nei pazienti, soprattutto se hanno una età giovanile, importanti preoccupazioni sfociando facilmente in ansia di prestazione e facendo intervenire fattori psicologici che amplificano e mantengono il disturbo ed alterano la qualità di vita.

Si consiglia la lettura del seguente articolo in questo sito:

b) Induratio penis plastica : descritta la prima volta dal medico francese Francois de La Peyronie nel 1743 è patologia discretamente frequente inquadrabile in un quadro di fibrosi (probabilmente con le stesse cause patogenetiche che sono in gioco nella fibrosi vera e propria sopra indicata ) caratterizzata però, nelle fasi avanzate e quindi qualora il quadro clinico è stabilizzato ed eclatante nelle sue lesioni fibrotiche a placca dai seguenti disturbi e obbiettività clinica : placche di diverse dimensioni facilmente palpabili a carico dei corpi cavernosi e del setto intercavernoso, dolore e parestesie al glande soprattutto in erezione, deviazioni (ma non >sempre !) del pene che comportano incurvamenti talora anche gravi e riduzione in lunghezza del pene , alterazioni della sensibilità del glande , riduzione in lunghezza del pene, disfunzioni erettili ingravescenti, ed il tutto può sfociare in una impotenza totale coeundi ed erettile.

Si consiglia la lettura in questo stesso sito del seguente articolo :

  1. Fimosi e frenulo corto.

Si consiglia la lettura dei seguenti appositi articoli presenti in questo sito:

Dove riceve

Il prof. Alberto Roggia effettua visite specialistiche private e consultazione andrologiche negli studi diVarese, Como, Gallarate,, tutti facilmente e rapidamente raggiungibili dal Canton Ticino e dalla Svizzera passando per Stabio-Gaggiolo e Chiasso.

Si fa presente inoltre che presso lo studio di Gallarate le visite sono effettuate il sabato mattina.
Per fissare un appuntamento si prega di telefonare ai seguenti recapiti:

Varese - via Carrobbio 8 – tel.0332.286755

Como - via Dante 13 - Ospedale Valduce - Urologia - tel. 031 324980
(ambulatorio libero-professionale)

Gallarate - Via Marsala 36 - Centro Medico Le Torri - tel. 0331 775090 (riceve il sabato)

indirizzo di posta elettronica: profroggia@libero.it; fax: 0331.775091;

Come arrivare rapidamente agli studi di Varese, Gallarate e Como :

Per chi proviene dalla Svizzera e dal Canton Ticino in particolare , e pure da Campione d'Italia si consigliano i seguenti percorsi:

da LUGANO , MENDRISIO, LOCARNO , BELLINZONA, ASCONA e città limitrofe : Melide, Sorengo, Paradiso, Castagnola , Massagno, Agno, Manno Barbengo, Gravesano, Morcote, Mezzovico, Losone, Minusio, Muralto, Giubiasco, Balerna, Cadenazzo , Brissago , ma anche da Campione d'Italia è consigliabile rivolgersi allo studio specialistico medico-andrologico di Varese (0332 286755) , che si raggiunge molto rapidamente e facilmente, dopo 10 minuti dal confine di Stabio-Gaggiolo.

Per chi proviene da Chiasso , Maslianico e città limitrofe si consiglia lo studio presso l'Ospedale Valduce di Como ( telefono 031 324980 ) dove riceve generalmente il giovedi mattina .

Se si desiderasse una visita specialistica il sabato mattina (tel 0331 775090) occorre prenotare presso lo studio di Gallarate . In tal caso per accedere a Gallarate è consigliabile , perchè le strade sono più scorrevoli , transitare sempre da Varese attraverso il confine di Stabio-Gaggiolo , e poi , tutto in autostrada, da Varese fino a Gallarate in circa 20 minuti.
Se si desiderasse, invece, transitare da Chiasso per raggiungere lo studio di Gallarate si consiglia effettuare tutto il tragitto in autostrada , imboccando la autostrada Como verso Milano e quindi prendendo la deviazione , sempre in autostrada , verso Gallarate-Malpensa . In alternativa, ma generalmente il traffico è maggiore, si può utilizzare la statale normale da Como fino a Varese , e successivamente in autostrada da Varese a Gallarate.

Utilizziamo cookie di servizi di terze parti per attività di marketing e per offrirti un'esperienza migliore. Leggi come utilizziamo i cookie e come puoi controllarli facendo clic su "Approfondisci".


Approfondisci