Pene curvo

Gli incurvamenti del pene, alcuni di essi congeniti, altri invece insorti successivamente in età giovanile o adulta, sono di frequente osservazione da parte dell’ andrologo o dello specialista urologo che si occupa di problematiche
andrologiche, o del chirurgo pediatra.

Alla nascita l’incurvamento del pene può essere riscontrabile quando sussista una malformazione complessa, nota come ipospadia per cui il piccolo paziente “fa la pipì” non dalla punta del pene, ma da uno sbocco della uretra posto lungo la superficie inferiore del pene o addirittura a livello dello scroto. Talora lo incurvamento o deviazione dell’asse del pene, riscontrabile a pene in erezione, è causato da una uretra “corta” che funge da tirante o briglia durante la fase di erezione, oppure da uno asimmetrico sviluppo dei corpi cavernosi. Un trauma a livello penieno o perineale o una “rottura” del corpo cavernoso durante l’attività sessuale, possono causarem anche a distanza di tempo, un importante incurvamento del pene che ostacola la successiva penetrazione vaginale, o comunque non è “accettato” dal paziente.

La malattia di Le Peyronie nota come Induratio Penis Plastica che si manifesta con tipiche “placche” a carico dei corpi cavernosi, in età adulta, ma talora anche giovanile, è una delle cause più frequenti di pene curvo acquisito (vedi capitolo apposito in questo sito su fibrosi dei corpi cavernosi e Induratio Penis Plasica). La correzione chirurgica del pene curvo, nota con il nome di Ortocorporoplastica, richiede grande esperienza in tale chirurgia molto precisa e delicata da parte dello specialista urologo-andrologo che abbia grande esperienza anche nelle tecniche della chirurgia plastica.

Le CAUSE più frequenti di DEVIAZIONE DELL' ASSE DEL PENE e cioè del PENE CURVO sono le seguenti, alcune congenite dalla nascita mentre altre , più frequentemente, acquisite :

a) ipospadia : è una causa congenita, cioè dalla nascita, per cui l'orifizio da cui esce il getto di urina nella minzione (chiamato meato uretrale esterno) non è posto in cima al glande ma in una posizione arretrata, che può essere sempre sul glande ma talora anche a metà del pene o più in basso, e sempre sulla superficie inferiore del pene. In tali casi il pene risulta curvo (e si osserva ciò già con pene flaccido nei primi mesi o anni di vita del piccolo paziente) a causa sia della brevità dell'uretra sia a causa di una fibrosi , ( chiamata “chordèe” dagli Autori Anglosassoni, con ciò indicando una “corda fibrosa “ che funge da briglia ) che si trova sopra i corpi cavernosi ed il setto intercavernoso.

Vedi vari articoli di “Urologia Pediatrica” in questo sito.

b) incurvamento congenito giovanile o “recurvatum congenito” del pene . Nello sviluppo, il ragazzo si accorge che il proprio pene si curva, cioè non è perfettamente in asse verticale, durante le prime erezioni : ciò è dovuto ad un asimmetrico congenito sviluppo della tunica di rivestimento , chiamata albuginea , dei due corpi cavernosi, per cui in pratica durante la erezione è come se una superficie di tale tunica si espandesse più facilmente e completamente rispetto ad una altra superficie di quello stesso corpo che è come un “cilindro ”, termine con cui possiamo definire per comodità e più facile spiegazione il corpo cavernoso a superficie cilindrica del pene.

c) fibrosi della tunica albuginea dei corpi cavernosi e del setto intercavernoso : vedi vari articoli in questo sito.

d) Induratio Penis Plastica

e) traumi vari e contusioni al pene

f) infezioni varie al pene e corpi cavernosi

Corporoplastica di raddrizzamento : varie tecniche chirurgiche

  • Tecnica di Nesbith
  • Tecnica di Heineke-Mickulicz-Yachia
  • Tecnica di Ebbenoj-Metz. Conseguenze: accorciamento del pene di 0,5-1-1,5 cm. Soddisfazione del paziente 95-99%
  • Innesto controlaterale di patch dermico o patch venoso. Non accorciamento dell’asta

Si consiglia la lettura dei seguenti articoli in questo sito:

Dove riceve

Il prof. Alberto Roggia effettua visite specialistiche private e consultazione andrologiche negli studi diVarese, Como, Gallarate,, tutti facilmente e rapidamente raggiungibili dal Canton Ticino e dalla Svizzera passando per Stabio-Gaggiolo e Chiasso.

Si fa presente inoltre che presso lo studio di Gallarate le visite sono effettuate il sabato mattina.
Per fissare un appuntamento si prega di telefonare ai seguenti recapiti:

Varese - via Carrobbio 8 – tel.0332.286755

Como - via Dante 13 - Ospedale Valduce - Urologia - tel. 031 324980
(ambulatorio libero-professionale)

Gallarate - Via Marsala 36 - Centro Medico Le Torri - tel. 0331 775090 (riceve il sabato)

indirizzo di posta elettronica: profroggia@libero.it; fax: 0331.775091;

Come arrivare rapidamente agli studi di Varese, Gallarate e Como :

Per chi proviene dalla Svizzera e dal Canton Ticino in particolare , e pure da Campione d'Italia si consigliano i seguenti percorsi:

da LUGANO , MENDRISIO, LOCARNO , BELLINZONA, ASCONA e città limitrofe : Melide, Sorengo, Paradiso, Castagnola , Massagno, Agno, Manno Barbengo, Gravesano, Morcote, Mezzovico, Losone, Minusio, Muralto, Giubiasco, Balerna, Cadenazzo , Brissago , ma anche da Campione d'Italia è consigliabile rivolgersi allo studio specialistico medico-andrologico di Varese (0332 286755) , che si raggiunge molto rapidamente e facilmente, dopo 10 minuti dal confine di Stabio-Gaggiolo.

Per chi proviene da Chiasso , Maslianico e città limitrofe si consiglia lo studio presso l'Ospedale Valduce di Como ( telefono 031 324980 ) dove riceve generalmente il giovedi mattina .

Se si desiderasse una visita specialistica il sabato mattina (tel 0331 775090) occorre prenotare presso lo studio di Gallarate . In tal caso per accedere a Gallarate è consigliabile , perchè le strade sono più scorrevoli , transitare sempre da Varese attraverso il confine di Stabio-Gaggiolo , e poi , tutto in autostrada, da Varese fino a Gallarate in circa 20 minuti.
Se si desiderasse, invece, transitare da Chiasso per raggiungere lo studio di Gallarate si consiglia effettuare tutto il tragitto in autostrada , imboccando la autostrada Como verso Milano e quindi prendendo la deviazione , sempre in autostrada , verso Gallarate-Malpensa . In alternativa, ma generalmente il traffico è maggiore, si può utilizzare la statale normale da Como fino a Varese , e successivamente in autostrada da Varese a Gallarate.

Utilizziamo cookie di servizi di terze parti per attività di marketing e per offrirti un'esperienza migliore. Leggi come utilizziamo i cookie e come puoi controllarli facendo clic su "Approfondisci".


Approfondisci
Trapianto micro-chirurgico di nervo surale nel tumore prostatico per mantenere l’attivita’ sessuale - Professore Alberto Roggia
ANDROLOGIA
Disfunzioni Erettili - Disfunzioni Sessuali
Trapianto micro-chirurgico di nervo surale nel tumore prostatico per mantenere l’attivita’ sessuale

Il tumore prostatico guarisce perfettamente in un’altissima percentuale di casi quando è possibile una chirurgia radicale completa: asportazione della prostata e delle vescicole seminali, associata talora dalla asportazione di linfonodi vicini alla prostata.
Ciò purtroppo si associa ad un’alta percentuale di deficit di erezione o impotenza vera e propria perché asportando la prostata ed i tessuti vicini ad essa, non sempre si riesce a salvare i nervi dell’erezione che passano adiacenti alla prostata stessa.
Quando il tumore è certamente dentro la capsula prostatica, lo specialista urologo fa di tutto per risparmiare tali nervi, e ciò è possibile soprattutto quando si opera con tecnica che prevede l’utilizzo di telescopi/microscopi di ingrandimento per poter utilizzare strumenti di altissima precisione, definiti da “gioielliere” (vedi sito www.prostata.profroggia.it con vari articoli e disegni sul nervo e visiona filmati Rai in questo sito) .
Se però il tumore è sulla superficie esterna della capsula prostatica e quindi non è contenuto entro la prostata stessa, è ovvio che per asportare tutto il tumore si debba asportare anche il nervo dell’erezione: se rimanesse un solo nervo da un lato, l’erezione del pene può essere molto scarsa o totalmente insufficiente per un’idonea attività sessuale.

Nel 1997 negli USA, nei principali centri urologici universitari del nord America, hanno messo a punto il trapianto microchirurgico di un nervo e precisamente del nervo surale, che viene prelevato dalla gamba del paziente e innestato con tecnica micro-chirurgica, sempre durante lo stesso intervento di asportazione radicale della prostata malata, al fine di ripristinare, con una specie di “by-pass” nervoso il tratto interrotto.

L’asportazione di tale nervo comporta solo una minima riduzione della sensibilità del mignolo del piede, mentre il paziente potrà correre, camminare, fare le scale, effettuare sport senza alcun danno.
In tal modo, con questo trapianto micro-chirurgico che, va realizzato contemporaneamente alla chirurgia prostatica, l’impotenza è nettamente ridotta, potendo il paziente riprendere l’attività sessuale dopo la rieducazione precoce dei corpi cavernosi del pene.
La televisione italiana RAI Due, ha più volte intervistato il Prof. Alberto Roggia trasmettendo, nella rubrica di “Medicina 33”, alcuni interventi di trapianto di nervo registrati ed effettuati dal Prof. Alberto Roggia.

Pertanto in conclusione, qualora non si abbia la certezza di
risparmiare i nervi dell’erezione, oggidì abbiamo a disposizione per il paziente questa nuova tecnica di trapianto microchirurgico di nervo surale della gamba, coke è ben illustrato nelle foto e disegni qui allegati, si consiglia pure di leggere l’articolo dal titolo: Quando e' consigliabile il trapianto microchirurgico di nervo surale (nerve grafting) per mantenere l'attivita' sessuale nel tumore prostatico.

 

Dove riceve:

Il prof. Alberto Roggia effettua visite specialistiche private e consultazione andrologiche negli studi diVarese, Como, Gallarate, tutti facilmente e rapidamente raggiungibili dal Canton Ticino e dalla Svizzera passando per Stabio-Gaggiolo e Chiasso.

Si fa presente inoltre che presso lo studio di Gallarate le visite sono effettuate il sabato mattina.
Per fissare un appuntamento si prega di telefonare ai seguenti recapiti:

Varese - via Carrobbio 8 – tel.0332.286755

Como - via Dante 13 - Ospedale Valduce - Urologia - tel. 031 324980
(ambulatorio libero-professionale)

Gallarate - Via Marsala 36 - Centro Medico Le Torri - tel. 0331 775090 (riceve il sabato)

indirizzo di posta elettronica: profroggia@libero.it; fax: 0331.775091;