PSA elevato : che faccio ? mi devo preoccupare ?

Certamente non bisogna andare dal ... Dott Google... anche se ti riceve immediatamente nell'ambulatorio internet , ma occorre rivolgersi senza allarmismi al proprio Medico di Famiglia ed allo Specialista Urologo .

Che faccio ?

È la domanda che il paziente si pone immediatamente non appena letto il responso degli esami ematici rendendosi peraltro conto che non è possibile correre subito dal proprio Medico di Famiglia che ha prescritto tale esame probabilmente assieme ad altri parametri ematochimici.
In tale frangente è quanto mai facile per il paziente andare immediatamente....dal Dott Google navigando in internet alla ricerca delle cause che possano favorire l'incremento dei valori di PSA , e ciò stimola la crescita in modo esponenziale della preoccupazione ed ansia anche perchè viene spontaneo al paziente ipotizzare subito la diagnosi peggiore e quindi considerare già le terapie chirurgiche radicali o radioterapiche che si renderanno necessarie soffermandosi pure a ricercare le complicanze e sequele negative di tutti i trattamenti terapeutici che possano inficiare la qualità di vita.

Sembrerebbe accertato che il 65-70 % delle persone, di qualsiasi fascia d' età, siano propense a chiedere in internet “consulenze mediche on line” sia soffermandosi sui sintomi che consentano la diagnosi e sia pure ricercando le più attuali strategie terapeutiche prima ancora di rivolgersi al Medico . Il Dott. Google ha certamente il pregio di essere sempre disponibile senza prendere appuntamento, giorno e notte, festivi o non , ed è in grado di fornire una serie immensa di dati, ma da cui non è possibile assolutamente pervenire ad una possibile ipotesi diagnostica perchè manca quel rapporto medico/paziente che è alla base , e da sempre, della Medicina stessa . Eppure il problema è inarrestabile , tanto che Facebook ha più di due miliardi e mezzo di utenti e ci sono più di 250 mila app sulla salute .

Mi devo preoccupare ?

Un valore di glicemia oltre soglia non significa necessariamente una situazione di diabete , così come anche una azotemia lievemente elevata non si identifica con la insufficienza renale : alla stessa stregua il PSA quando supera i limiti massimi indicati generalmente in ogni referto non sta ad indicare necessariamente la presenza di tumore alla prostata !!!

Infatti il PSA è una glicoproteina prodotta esclusivamente dalle cellule prostatiche per cui viene definito marcatore specifico della prostata: la produzione del PSA avviene sia qualora la prostata è assolutamente normale, sia pure quando c'è una infiammazione prostatica acuta o cronica, sia quando con la età la prostata aumenta di volume , ed infine sia pure quando la prostata è colpita da tumore.
Pertanto il PSA non può essere considerato una “spia di tumore ” in quanto per essere definito tale dovrebbe essere prodotto esclusivamente dalle cellule prostatiche diventate maligne, mentre è prodotto da tutte le cellule prostatiche anche normalissime.

Anzitutto va sottolineato che non si può valutare il valore del PSA indipendentemente dal quadro clinico di ogni singolo paziente : anzitutto il PSA totale aumenta anche notevolmente nelle infiammazioni acute e croniche prostatiche e l'aumento del PSA avviene pure, in modo progressivo , per il costante ingrossamento benigno della prostata che interessa quasi tutti gli uomini dopo i 45-50 anni di età, ed oltre a ciò è vero che molti tumori registrano un PSA elevato ma esistono anche tumori con PSA bassissimo, inferiore addirittura anche a 2 ng/ml.

Non esiste un valore di PSA che possa essere considerato “ normale” per tutti i pazienti, perchè il PSA è ” personalizzato” in quanto ogni paziente ha un proprio PSA che rispecchia un preciso momento della sua vita , continuando infatti a variare in base a molteplici fattori : anche l'attività ginnica-sportiva ed il rapporto sessuale effettuato nelle 24-48 ore prima del prelievo di laboratorio possono incrementare il PSA.

In pratica il paziente non deve allarmarsi per un valore di PSA che appare patologico , così come all'opposto non deve sottovalutare il dato o addirittura dimenticarsi di approfondire con il Medico le cause di ciò, anche se non accusasse clinicamente alcun disturbo. Il valore del PSA mantiene sempre una indiscussa importanza e deve essere però valutato dal Medico di Famiglia e dallo Specialista Urologo a cui il paziente deve rivolgersi con fiducia e serenità evitando di navigare in internet . Sulla base dei dati anamnestici riferiti dal paziente, e da quanto emerge in corso di accurata visita urologica che deve necessariamente comprendere la esplorazione digito-rettale , peraltro del tutto indolore , lo specialista indicherà quindi il percorso diagnostico più idoneo al singolo caso oppure in latri casi clinici rescriverà subito le cure , se necessarie , senza necessità di particolari accertamenti diagnostici.

Il percorso diagnostico rigoroso e razionale prevede , in linea di massima , una precisa sequenza di esami indicati come primo , secondo e terzo livello :

esami di primo livello : la ecografia transrettale che valuti non solo la prostata nella sua globalità ma sia esame particolarmente “mirato” in caso di zone “alterate” riscontrate durante la esplorazione rettale. Da segnalare che la più attuale elastosonografia realizzata sempre assieme alla ecografia transrettale permette di valutare anche il grado di elasticità-rigidità consentendo di sospettare la presenza anche di quei tumori prostatici che sono normo-ecogeni e che quindi hanno una struttura tale per cui non potrebbero essere evidenziati dalla comune ecografia transrettale.

In alcuni casi però lo Specialista Urologo può ritenere necessario consigliare ulteriori esami che sono disecondo livello”, e ciò qualora gli accertamenti sopra indicati non avessero consentito un idoneo approfondimento diagnostico : la RMN prostatica multiparametrica , il dosaggio nel sangue del 2Pro-PSA che consente di definire il PHI o “Indice di Salute Prostatica “ , il PCA3 sulle urine.

Esami di terzo livello: biopsia prostatica che può essere random, mirata sulla base del referto ecotransrettale ed esplorazione rettale, oppure “cognitiva “ e “fusion.(vedi apposito articolo).

Dove riceve

Il prof. Alberto Roggia effettua visite specialistiche private e consultazione andrologiche negli studi diVarese, Como, Gallarate,, tutti facilmente e rapidamente raggiungibili dal Canton Ticino e dalla Svizzera passando per Stabio-Gaggiolo e Chiasso.

Si fa presente inoltre che presso lo studio di Gallarate le visite sono effettuate il sabato mattina.
Per fissare un appuntamento si prega di telefonare ai seguenti recapiti:

Varese - via Carrobbio 8 – tel.0332.286755

Como - via Dante 13 - Ospedale Valduce - Urologia - tel. 031 324980
(ambulatorio libero-professionale)

Gallarate - Via Marsala 36 - Centro Medico Le Torri - tel. 0331 775090 (riceve il sabato)

indirizzo di posta elettronica: profroggia@libero.it; fax: 0331.775091;

Come arrivare rapidamente agli studi di Varese, Gallarate e Como :

Per chi proviene dalla Svizzera e dal Canton Ticino in particolare , e pure da Campione d'Italia si consigliano i seguenti percorsi:

da LUGANO , MENDRISIO, LOCARNO , BELLINZONA, ASCONA e città limitrofe : Melide, Sorengo, Paradiso, Castagnola , Massagno, Agno, Manno Barbengo, Gravesano, Morcote, Mezzovico, Losone, Minusio, Muralto, Giubiasco, Balerna, Cadenazzo , Brissago , ma anche da Campione d'Italia è consigliabile rivolgersi allo studio specialistico medico-andrologico di Varese (0332 286755) , che si raggiunge molto rapidamente e facilmente, dopo 10 minuti dal confine di Stabio-Gaggiolo.

Per chi proviene da Chiasso , Maslianico e città limitrofe si consiglia lo studio presso l'Ospedale Valduce di Como ( telefono 031 324980 ) dove riceve generalmente il giovedi mattina .

Se si desiderasse una visita specialistica il sabato mattina (tel 0331 775090) occorre prenotare presso lo studio di Gallarate . In tal caso per accedere a Gallarate è consigliabile , perchè le strade sono più scorrevoli , transitare sempre da Varese attraverso il confine di Stabio-Gaggiolo , e poi , tutto in autostrada, da Varese fino a Gallarate in circa 20 minuti.
Se si desiderasse, invece, transitare da Chiasso per raggiungere lo studio di Gallarate si consiglia effettuare tutto il tragitto in autostrada , imboccando la autostrada Como verso Milano e quindi prendendo la deviazione , sempre in autostrada , verso Gallarate-Malpensa . In alternativa, ma generalmente il traffico è maggiore, si può utilizzare la statale normale da Como fino a Varese , e successivamente in autostrada da Varese a Gallarate.

Utilizziamo cookie di servizi di terze parti per attività di marketing e per offrirti un'esperienza migliore. Leggi come utilizziamo i cookie e come puoi controllarli facendo clic su "Approfondisci".


Approfondisci
Trapianto micro-chirurgico di nervo surale nel tumore prostatico per mantenere l’attivita’ sessuale - Professore Alberto Roggia
ANDROLOGIA
Disfunzioni Erettili - Disfunzioni Sessuali
Trapianto micro-chirurgico di nervo surale nel tumore prostatico per mantenere l’attivita’ sessuale

Il tumore prostatico guarisce perfettamente in un’altissima percentuale di casi quando è possibile una chirurgia radicale completa: asportazione della prostata e delle vescicole seminali, associata talora dalla asportazione di linfonodi vicini alla prostata.
Ciò purtroppo si associa ad un’alta percentuale di deficit di erezione o impotenza vera e propria perché asportando la prostata ed i tessuti vicini ad essa, non sempre si riesce a salvare i nervi dell’erezione che passano adiacenti alla prostata stessa.
Quando il tumore è certamente dentro la capsula prostatica, lo specialista urologo fa di tutto per risparmiare tali nervi, e ciò è possibile soprattutto quando si opera con tecnica che prevede l’utilizzo di telescopi/microscopi di ingrandimento per poter utilizzare strumenti di altissima precisione, definiti da “gioielliere” (vedi sito www.prostata.profroggia.it con vari articoli e disegni sul nervo e visiona filmati Rai in questo sito) .
Se però il tumore è sulla superficie esterna della capsula prostatica e quindi non è contenuto entro la prostata stessa, è ovvio che per asportare tutto il tumore si debba asportare anche il nervo dell’erezione: se rimanesse un solo nervo da un lato, l’erezione del pene può essere molto scarsa o totalmente insufficiente per un’idonea attività sessuale.

Nel 1997 negli USA, nei principali centri urologici universitari del nord America, hanno messo a punto il trapianto microchirurgico di un nervo e precisamente del nervo surale, che viene prelevato dalla gamba del paziente e innestato con tecnica micro-chirurgica, sempre durante lo stesso intervento di asportazione radicale della prostata malata, al fine di ripristinare, con una specie di “by-pass” nervoso il tratto interrotto.

L’asportazione di tale nervo comporta solo una minima riduzione della sensibilità del mignolo del piede, mentre il paziente potrà correre, camminare, fare le scale, effettuare sport senza alcun danno.
In tal modo, con questo trapianto micro-chirurgico che, va realizzato contemporaneamente alla chirurgia prostatica, l’impotenza è nettamente ridotta, potendo il paziente riprendere l’attività sessuale dopo la rieducazione precoce dei corpi cavernosi del pene.
La televisione italiana RAI Due, ha più volte intervistato il Prof. Alberto Roggia trasmettendo, nella rubrica di “Medicina 33”, alcuni interventi di trapianto di nervo registrati ed effettuati dal Prof. Alberto Roggia.

Pertanto in conclusione, qualora non si abbia la certezza di
risparmiare i nervi dell’erezione, oggidì abbiamo a disposizione per il paziente questa nuova tecnica di trapianto microchirurgico di nervo surale della gamba, coke è ben illustrato nelle foto e disegni qui allegati, si consiglia pure di leggere l’articolo dal titolo: Quando e' consigliabile il trapianto microchirurgico di nervo surale (nerve grafting) per mantenere l'attivita' sessuale nel tumore prostatico.

 

Dove riceve:

Il prof. Alberto Roggia effettua visite specialistiche private e consultazione andrologiche negli studi diVarese, Como, Gallarate, tutti facilmente e rapidamente raggiungibili dal Canton Ticino e dalla Svizzera passando per Stabio-Gaggiolo e Chiasso.

Si fa presente inoltre che presso lo studio di Gallarate le visite sono effettuate il sabato mattina.
Per fissare un appuntamento si prega di telefonare ai seguenti recapiti:

Varese - via Carrobbio 8 – tel.0332.286755

Como - via Dante 13 - Ospedale Valduce - Urologia - tel. 031 324980
(ambulatorio libero-professionale)

Gallarate - Via Marsala 36 - Centro Medico Le Torri - tel. 0331 775090 (riceve il sabato)

indirizzo di posta elettronica: profroggia@libero.it; fax: 0331.775091;