Eiaculazione precoce: il più frequente disturbo sessuale

Occorre ricordare anzitutto come avviene la erezione , per cui il pene transita da una condizione di  flaccidità alla massima rigidità,  e quindi  alla eiaculazione. 

 Meccanismo della erezione  :   si realizza  schematicamente nelle seguenti TRE fasi  sequenziali , che si susseguono con   rapidità :

PRIMA FASE :          FASE DELLO INIZIO DELLA   TUMESCENZA
si attua la   dilatazione delle arterie cavernose ed elicoidali , con incremento del sangue arterioso negli spazi lacunari e progressiva distensione del tessuto cavernoso,  cioè il  rilasciamento della muscolatura liscia cavernosa  con apertura degli spazi lacunari vascolari .

SECONDA FASE   :           FASE  DELLA  RIGIDITA'
aumento della pressione intracavernosa ( 150/170 mmHg ) per blocco dello scarico venoso a causa dello schiacciamento dei plessi venosi sotto/albuginei tra il tessuto cavernoso e la albuginea ( chiamato meccanismo venoso occlusivo).  Infatti la dilatazione degli spazi lacunari vascolari verso la tunica albuginea  comporta anche la co-pressione dei canali di drenaggio venoso sub-tunicale che favosisce le stato di erezione. 

TERZA FASE :          FASE  DELLA    MASSIMA  RIGIDITA'
un ulteriore aumento della pressione intrcavernosa { fino a 200 mmHg} e quindi della rigidità si determina per la contrazione dei muscoli  ischio cavernoso  stimolato dal plesso pudendo, e della muscolatura del pavimento pelvico.
Questa fase prelude , con la  contrazione del muscolo bulbocavernoso e della contrazione della muscolatura del deferente e delle vescicole seminali,  alla espulsione del liquido seminale cioè alla  eiaculazione che avviene assieme all'orgasmoche è  la più alta espressione del piacere sessuale .

In dettaglio , la fase di emissione dello sperma è rappresentata da una serie di ritmiche e ben coordinate contrazioni peristaltiche della muscolatura liscia dei deferenti, delle ampolle deferenziali , delle vescicole seminali e  degli  acini ghiandolari della prostata , che provocano la emissione del liquido seminale nella uretra posteriore a cui corrisponde  la netta sensazione di “inevitabilità “ della eiaculazione.
La fase di eiaculazione vera e propria è inoltre caratterizzata,  oltre che  dalle contrazioni ritmiche dei muscoli bulbocavernosi, ischiocavernosi, del pavimento pelvico, anche dal contemporaneo rilasciamento del muscolo sfintere striato esterno dell'uretra.

A ciò segue la detumescenza con ritorno del pene allo stato di flaccidità .

L'inizio di ciascuna fase , o passaggio, è consecutivo al raggiungimento di quello precedente , al punto tale che la successione delle varie fasi viene considerata come un sequenza continua , senza interruzioni.

La eiaculazione è pertanto , in sintesi, il momento finale del processo erettile  caratterizzato pertanto dai seguenti  momenti temporali:   libido> erezione> penetrazione coitale>   orgasmo>  eiaculazione.

Uno dei  disturbi sessuali più frequenti  è  rappresentato certamente dalla eiaculazione  precoce   che determina facilmente nel maschio sentimenti di scarsa autostima e fiducia nelle proprie capacità sessuali sentendosi “sminuito e meno sicuro di sè”,   mentre nella donna sorge un senso di frustrazione : ne deriva una difficoltà di relazione tra i due partner,  e quindi in sintesi un forte impatto negativo sulla qualità della vita di coppia.

E' pertanto assolutamente importante che il traguardo dell'orgasmo  venga  essere raggiunto contemporaneamente dalla “coppia” , e non  da un solo componente ( = chiamamolo per semplicità “ attore”) della coppia  stessa.
In modo molto esemplificativo ed immediato figurativo  occorre in pratica che i due  ” attori “  ( = la coppia) raggiungano e taglino la linea o il nastro del  traguardo ( qui rappresentato dall'orgasmo di entrambi , e dalla  eiaculazione)  sempre assieme , contemporaneamente , nello stesso istante ,  in tandem,  o meglio ancora  come se raggiungessero assieme il traguardo viaggiando  sulla moto  “ Sidecar”,    la classica  “ motocarrozzetta ”  a tre ruote , in cui   il carrozzino con il passeggero a lato della moto è dotato di una sua ruota .

 Quindi la eiaculazione  deve realizzarsi contemporaneamente all' orgasmo di entrambi i partner  per consentire che l'atto sessuale comporti la  piena soddisfazione della coppia.
Il maschio non deve pertanto cercare di emulare  i grandi atleti dei 100-200 metri Pietro Mennea e Marcell Jacobs ,  ma bensì  deve rispettare sempre i tempi ed il passo della partner , in sintonia, sulla stessa lunghezza d'onda , senza correre ( non è una gara deve vince chi arriva prima !)   al fine di   raggiungere e consentire ad entrambi il  massimo piacere sessuale.

 

Quando si parla  di eiaculazione precoce  : da tempo è  oramai superata la definizione del disturbo sulla base esclusivamente del   “ tempo di eiaculazione “,  considerando una eiaculazione che avviene entro 30 secondi o comunque entro un minuto dalla penetrazione vaginale , e così pure il numero delle  spinte coitali ,  essendo  oggi ben definito come si tratti di un ampio problema che  interferisce negativamente  sulla vita  di coppia con disagio ed insoddisfazione di entrambi gli “attori “.

Classificazioni della eiaculazione precoce : occorre distinguere un eiaculazione precoce cosiddetta primaria o congenita che compare subito e da sempre , già dall'inizio della attività sessuale del giovane paziente, ed una eiaculazione secondaria o acquisita che invece compare dopo un periodo anche lungo di normale attività sessuale , causata generalmente in questi casi da processi infiammatori a carico della uretra o prostata ,  da ipertiroidismo , ecc...
Da non sottovalutare però anche le cause acquisite strettamente “peniene” che spesse volte sono presenti  anche in età giovanile , come la fibrosi a carico della tunica o guaina di rivestimento dei due corpi cavernosi o   del setto intercavernoso , che comporta una riduzione della elasticità dei tessuti spesso associata ad un patologico meccanismo venoso-occlusive determinate  una troppo precoce “fuga di sangue venoso”, e quindi una  eiaculazione altrettanto rapida di compensazione.
In pratica, tutto ciò indica come la visita specialistica andrologica sia fortemente consigliabile in quanto la causa organica  è  presente nella grande  maggioranza dei casi , al fine di   per pervenire ad una diagnosi di certezza e quindi impostare le cure idonee. Purtroppo il disturbo rimane per lo più sommerso  nel senso che solo una piccola parte dei pazienti  si esprime in una richiesta di  aiuto con il Medico di Famiglia o con lo specialista andrologo in  particolare.
Sappiamo comunque come i fattori psicogeni e l'ansia in particolare, sono spesso  presenti in entrambe le due varietà del disturbo eiaculatorio, soprattutto nel paziente di età giovanile.

Strategie  terapeutiche  attuali :
è merito di un medico  psichiatra Marcel Waldinger aver riscontrato nel 1996 e segnalato con vari articoli scientifici come in molti suoi pazienti curati  per la depressione con farmaci che agivano sulla serotonina comportavano ,collateralmente, anche un ritardo nella eiaculazione.  Ciò ha stimolato molti approfonditi studi di neurobiologia che hanno appunto dimostrato la importanza del neurotrasmettitore chiave , identificato nella  serotonina,  nelle vie neurologiche coinvolte nel processo eiaculatorio . Da quanto detto  emerge che mentre in passato la eiaculazione precoce fosse considerata esclusivamente come un problema psicologico , attualmente il fatto che  un trattamento farmacologico che  aumenta i livelli della serotonina  nello stazio sinaptico permetta il controllo adeguato ed il  ritardo della eiaculazione  sta ad indicare come nella stragrande maggioranza dei casi la eiaculazione precoce sia  dovuta a  cause organiche.

 La  identificazione delle basi neurofisiologiche della eiaculazione precoce  consente oggidì la impostazione di cure, essenzialmente con la dapoxetina,  con buoni risultati in moltissimi  casi , associando anche terapie topiche locali sul glande a base di lidocaina e prilocaina  che bloccano, in modo  reversibile, la trasmissione dei segnali al sistema nervoso contribuendo a migliorare il controllo eiaculatorio .

Ovviamente le eiaculazioni secondarie o acquisite necessitano di loro specifiche cure , come nella uretrite, prostatite, infezioni uro-genitali varie, malattie sessualmente trasmesse,    o quando è insorta la  fibrosi dei corpi cavernosi , oppure nei casi di ipertiroidismo. 

 L'ansia di prestazione ed il timore di non riuscire ad avere una buona prestazione sessuale con comporti la piena soddisfazione anche  alla partner, determina facilmente la insorgenza di insicurezza, inadeguatezza, inquietudine  per cui in alcuni casi, quando il disturbo è rilevante e persistenrte,  soprattutto  nei pazienti di età giovanile,  può trovare utilità  l'intervento dello specialista psicosessologo  per un programma terapeutico che non può esser standardizzato ma sarà  personalizzato sul singolo attore o sulla coppia.      

E' una disfunzione  sessuale  che comporta al paziente , spesso in giovane età,  insoddisfazione , preoccupazione, disagio , ansia, tutti  fattori che determinano facilmente nel maschio la insorgenza di una ridotta  fiducia nelle proprie capacità sessuali ed una percezione di inadeguatezza sessuale,  talora anche una ridotta autostima ,  ed inoltre interferiscono negativamente anche sulla relazione di coppia per cui la eiaculazione precoce ha certamente un forte impatto sulla qualità di vita , considerando che anche la partner può riferire a sua volta una frustrazione e difficoltà relazionale. 

E uno dei disturbi sessuali più frequenti , soprattutto in età giovanile, e spesse volte nasce da cause organiche e non solo esclusivamente psicogene.
L'ansia di prestazione che può talora peggiorare o addirittura fare insorgere al paziente di età giovanile il timore di aver intrapreso una strada che condurrà alla impotenza ( cosiddetta “aspettativa di impotenza”) è un fattore frequentemente presente ,anche dopo soltanto uno o due insuccessi, quindi del tutto occasionali e non costanti.
Ma talora sussistono cause organiche che vanno attentamente ricercate perchè con sintomatologia vaga, non ben definita e precisa: talora un semplice sensazione di perdita o riduzione della sensibilità al glande, oppure la assenza di erezioni notturne o la loro riduzione di frequenza, un più difficile mantenimento della rigidità del pene per cui il pene appare non più rigido come nei mesi precedenti.

La eiaculazione precoce è una delle più comuni disfunzioni sessuali: disturbo molto frequente, già in giovane età e che tanto allarma i pazienti. Certamente il fattore psicologico gioca un ruolo importante e amplifica ed automantiene il disturbo, ma oggi fattori vari studi hanno dimostrato come nella eiaculazione precoce sussistano ”cause organiche” in moltissimi casi: esempio tipico il patologico eccanismo“venoso-occlusivo” spesso associato a deficit arteriogenico.
Esistono molte altre cause organiche che le varie Scuole Andrologiche distinguono in cause strettamente urologiche (uretriti,prostatiti,frenulo prepuziale troppo breve e corto ,ipersensibilità del prepuzio e del glande, fibrosi dei corpi cavernosi, infiammazioni localizzate alla tonaca albugine dei corpi cavernosi, ecc…), cause neurologiche, cause sistemiche (es. diabete e rteriosclerosi), e cause iatrogene (farmaci, droghe, ecc…). Da ciò il consiglio di effettuare sempre una visita uro-andrologica specialistica al fine di accertare se esiste una patologia organica quale causa della eiaculazione precoce: evidente che solamente la cura della patologia “organica” potrà consentire i migliori risultati, non essendo sufficiente la cura psicologica,anche se può essere di ausilio.
In molti casi si può riscontrare una iniziale fibrosi dei corpi cavernosi e del setto intercavernoso già in età giovanile.

La visita specialistica uro-andrologica è di fondamentale importanza e deve precedere tutti gli altri eventuali accertamenti che verranno prescritti dal medico specialista. Generalmente vengono prescritti accertamenti ” non invasivi” per cui il paziente può essere rassicurato che si potranno evitare esami “dolorosi o fastidiosi” in quanto non occorre effettuare iniezioni nei corpi cavernosi di prostaglandine. La precisa e accurata ecografia dei corpi cavernosi associata alla elastografia S.E ( Strain Imaging) ed alla elastografia S.W.E ( Shear Wave) consente di avere una perfetta valutazione dei due corpi cavernosi ed anche una valutazione quantitativa e qualitativa della visco-elasticità dei tessuti .
Per la valutazione della circolazione arteriosa-venosa la associazione dell'ecocolor-doppler “basale” (cioè senza erezioni indotte con farmaci iniettati nel pene) al Penogramma radioisotopico permettono di conoscere la esatta situazione della circolazione vascolare dei due corpi cavernosi del pene , nel suo flusso arterioso e nel deflusso venoso , evitando in tal modo di dover ricorrere agli esami cosiddetti dinamici con farmaco-erezione indotta da prostaglandine.

Di grande utilità diagnostica si è rilevata molto recentemente una nuova indagine che si effettua assieme e contemporaneamente alla ecografia ed eco-color-dopller peniena-cavernosa : si tratta della elastosonografia per la valutazione della visco-elasticità dei tessuti per la diagnosi precoce di tutti gli stati fibrotici a carico dei due corpi cavernosi e della induratio penis plastica . Tale esame elastosonografico consente di ottenere dati quanto mai precisi ed utili nel percorso diagnostico soprattutto se è associato anche alla moderna elastografia STRAIN IMAGING (S.E.) ed alla elastografia SHEAR WAVE (S.W.E.) perchè tali accertamenti consentono anche la valutazione sia qualitativa che quantitativa della visco-elasticità dei tessuti analizzati e pertanto della eventuale ”rigidità tissutale cavernosa “, che può essere associata alla fibrosi dell' albuginea dei due corpi cavernosi : la elastografia è sempre effettuabile in condizioni “basali” cioè con pene in fase di flaccidità , e quindi senza alcun dolore o fastidio al paziente, in quanto non occorre assolutamente ricorrere alle erezioni indotte da prostaglandine iniettate nei corpi cavernosi. Per la valutazione della circolazione arteriosa/venosa , la indagine eco color doppler, sempre “basale” (cioè senza dover ricorrere ad indagini con erezioni indotte dalle iniezioni nel corpo cavernoso ) associata al Penogramma radioisotopico permettono la miglior definizione circolatoria arteriosa e venosa dei due corpi cavernosi , che sono i veri propri “propulsori” della erezione.

Attualmente l’urologo-andrologo potrà consigliare farmaci specifici per la eiaculazione precoce (come Dapoxetina, che è un inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina) che consentono di ottenere ottimi risultati di guarigione che vanno prescritti però caso per caso (il paziente deve assolutamente evitare il fai da te che può essere pure pericoloso).

Si è constatato che può essere di aiuto il cercare di diminuire la quantità di stimoli che partono dal glande , dal frenulo e dal prepuzio : in tal senso si sono registrati risultati soddisfacenti in alcuni pazienti utilizzando pomate anestetiche da applicare sul glande, frenulo e foglietto interno del prepuzio consigliando di detergere il pene dopo circa 15-20 minuti e prima di inizio del rapporto sessuale. Se il risultato è positivo e soddisfacente si consiglia di procedere lentamente ad una specie di disuassefazione riducendo progressivamente i tempi di applicazione dell'anestetico e ridudendone progressivamente anche le dosi di pomata utilizzata.

E' possibile anche , in casi del tutto selezionati e che non hanno avuto risposte terapeutiche soddisfacenti da tutte le terapie instaurate, utilizzare la neurotomia super selettiva descritta e proposta da Tullji che interrompe le fibre nervose sensitive ,più distali , che riguardano l'area attorno al frenulo prepuziale e zona balano-prepuziale . Può esser di ulteriore ausilio associare alla neurotomia di Tullji anche la postectomia parziale, limitata cioè al solo foglietto interno al fine di lasciare intatto il foglietto prepuziale esterno che ricopre il glande .

Se viene esclusa la causa organica, il paziente potrà trovare i migliori consigli terapeutici anzitutto presso il proprio Medico di Famiglia che saprà indirizzare, se necessario, al collega Psicologo e Psicosessuologo.

Si consiglia di navigare in “Patologie “ di questo sito per leggere molti articoli dettagliati sulla diagnosi e le cure più moderne delle disfunzioni e deficit erettili andrologici, e ricercando l'articolo inerente l'argomento che più interessa.

Si consiglia soprattutto la lettura dei seguenti articoli:

Il Lettore potrà trovare tutto quanto desidera conoscere sulla prevenzione, diagnosi attuale e le cure più moderne delle malattie andrologiche, “cliccando” sul link “PATOLOGIE” di questo sito.
Inoltre il lettore può navigare in ANDROLOGIA.PROFROGGIA.IT dove potrà trovare articoli su argomenti di proprio interesse.
Se invece il Lettore volesse approfondire argomenti di UROLOGIA e di PROSTATA, si consiglia di cercare rispettivamente sui seguenti due altri siti:

  1. Per le malattie della prostata, la loro diagnosi e le loro cure, soprattutto quelle mini invasive, senza tagli con bisturi, con particolare riferimento alla cura endoscopica dell’ingrossamento benigno prostatico e alla modernissima chirurgia video laparoscopica del tumore prostatico, con illustrazioni mediante brevi filmati e disegni dinamici cercare su prostata.profroggia.it
  2. Per le diagnosi e cura di tutte le malattie del rene, uretere, vescica, testicoli, uretra si consiglia cercare su: urologia.profroggia.it

Dove riceve

Il prof. Alberto Roggia effettua visite specialistiche private di ANDROLOGIA negli studi di Varese e Gallarate, tutti facilmente e rapidamente raggiungibili da Milano, Pavia, Novara, Verbania e Como ed anche dal Canton Ticino, dalla Svizzera passando per Stabio-Gaggiolo e Chiasso.

Si fa presente inoltre che presso lo studio di Gallarate le visite sono effettuate il sabato mattina.
Per fissare un appuntamento si prega di telefonare ai seguenti recapiti:
Varese - via Carrobbio 8 – tel.0332.286755
Varese - Centro Medico SME - Via Pirandello 31 - tel. 02 78638500
Varese Campus Medico via Mazzini 10 tel . 0332 1544411
Gallarate - Via Marsala 36 - Centro Medico Le Torri - tel. 0331 775090 - 0331 775091   (qui riceve anche il sabato)

indirizzo di posta elettronica: profroggia@libero.it

 

Utilizziamo cookie di servizi di terze parti per attività di marketing e per offrirti un'esperienza migliore. Leggi come utilizziamo i cookie e come puoi controllarli facendo clic su "Approfondisci".


Approfondisci